Fidati

 

ar4  ar5 

 

 ar1
ar3

“Fidati”era il richiamo che risuonava forte dentro di me durante il percorso degli STEP e nel corso dell’esperienza a Lourdes della scorsa estate. Per una persona che ha poca fiducia in se stessa e negli altri questa “voce” che parlava attraverso incontri o eventi dicendomi di fidarmi era spiazzante, esigente, capace di rapire tutta la mia attenzione.

Era un’eco che non potevo più ignorare né contrastare, perché mi dava l’occasione di guardare oltre le mie paure, di volare alto! Questo invito a “buttarmi”, a fare un passo di crescita e di vita si è concretizzato nell’adesione della proposta del Centro Giovanile. I desideri che mi hanno spinto a lasciare tutto e partire sono stati diversi e nascevano da un profondo bisogno di dare forma alla mia identità e di costruire la mia relazione con Dio.

La grande avventura è iniziata il 22 novembre … ad accompagnarmi altre due compagne di viaggio: Roberta e Carmen. 
Inizialmente l’esperienza doveva essere di un mese, ma dopo Natale ho deciso di tornare e di rimanere fino alla metà di febbraio e poi fino a giugno, perché durante il periodo trascorso a Casetta Nova è nata in me l’esigenza sia di scoprire “cosa Dio avesse ancora da dirmi”, sia di capire come spendere i miei talenti in un corso di studi o in un servizio concreto.
Sento di aver ricevuto tanti regali durante i mesi trascorsi al Centro Giovanile: primo tra questi il regalo dell’amore scambievole, fondamentale per uscire fuori dal mio egoismo, dalla mia indolenza e dalla paura di svelarmi per come sono.

La comunità è uno strumento per mettere insieme i talenti di ciascuna, condividere la vita dall’aspetto più quotidiano a quello più straordinario,  prendersi cura l’una dell’altra e  imparare da questa scuola d’amore a diventare dono per il mondo, sia come unico corpo sia come singola parte. I cambiamenti che pian piano stanno modellando la mia persona sono lenti, graduali e segno di come Dio si stia rivelando nella mia vita, di come la sua mano delicata stia tracciando la forma di quella che sono chiamata ad essere. 
Sono profondamente grata per i passi fatti e per lo stupore della vita vissuta qui ogni giorno.

Arianna De Angelis

 Pubblicato: 22/03/2014

COMUNITA'

Entra nella tua comunità

Username *
Password *
Remember Me