Colorare di cura la vita

 

rinnovo 20 01

Il 22 luglio 2020 sr Mariachiara Ferrari, sr Roberta Sommaggio e sr Carmen De Matteo hanno rinnovato i voti di povertà, obbedienza e castità, in un clima raccolto e familiare. Le abbiamo intervistate per scoprire da loro che senso ha dire (e ri-dire) un sì a Dio nel 2020.


1) Quale è la cosa più bella di essere sfp?

rinnovo 20 02Siamo una famiglia sui generis, arricchita da varie culture e sensibilità! Io, bresciana doc, mi sono lasciata conquistare dal cibo siciliano, dal dialetto napoletano, dalle meravigliose piazze di Padova e dal vino dei castelli Romani. Le nostre origini tedesche, la ricchezza delle nostre suore americane, la forza della natura delle africane, le brasiliane che mi sono entrate nel cuore e il gruppetto nelle Filippine come un dono.
La nostra famiglia non ha confini e questa internazionalità mi insegna che in casa c'è posto per tutti e tutti hanno un dono da offrire! Questo sguardo imparato in famiglia lo porto ogni giorno nel mondo!

Tre motivi per la bellezza SFP: una vita avventurosa; Madre Francesca e la sua storia che mi attraggono; la vicinanza con i poveri, che ci fanno sperimentare la presenza di Dio.

La creatività come espressione di cura, come amore che cerca, va’ in profondità e trova nuovi modi di essere e stare. Un’altra cosa bella è la possibilità di essere pienamente donna e far dono di questo agli altri.

rinnovo 20 032) Che senso ha rinnovare i voti nel 2020?

Per me significa scommettere tutta la vita su Dio e sulla sovrabbondanza del Suo amore: in tante situazioni ho sentito la mia piccolezza e inadeguatezza, ma il Signore mi ha invitata a mettermi in gioco anche così per farmi strumento del suo amore.  Attraverso di me qualcuno fa esperienza della sua vicinanza: come potrei non continuare a donargli la mia vita con gioia?

Rinnovare i voti è un po’ come andare contro corrente: aiuta a scendere in profondità e a crescere in autenticità; significa crescere nella fedeltà che si costruisce a piccoli passi. I voti significano per me credere in Dio che mi ama oltre ogni misura e chiedono radicalità e totalità di sé come ha fatto Lui.

Rinnovare oggi il mio sì a Dio è agganciare il mio desiderio di vita in abbondanza all’impossibile di Dio. È la possibilità liberante di vivere questo paradosso; è rinnovare il desiderio di non vivere concentrata su di me, ma di spostare il baricentro da me a Dio e ai fratelli e alle sorelle.

rinnovo 20 053) Quale sfida vedi oggi per il carisma di Madre Francesca?

Continuare a farci sorelle dell'umanità, in particolare di chi più è in difficoltà e soffre. Trovare modi, parole, linguaggi e gesti che continuino a permetterci prossimità, una prossimità che sappia superare anche la distanza fisica, che sia vissuta nella creatività, frutto dello Spirito e nella preghiera.

Essere capaci di ascolto delle proprie ferite e dell’umanità, essere disposte a perdere qualcosa di personale e come famiglia, osare qualcosa di nuovo

Non lasciare fermo quel pennello ricevuto in dono che ha la potenzialità di colorare di bellezza e di cura pezzi di storie e non stancarsi mai di lasciarsi ri-colorare nuovamente da Dio. I colori ci sono, tu vuoi usare il tuo pennello?

A cura di sr Wilma Molinari, sfp

Pubblicato: 11/09/2020

rinnovo 20 06

rinnovo 20 07

 
COMUNITA'

Entra nella tua comunità

Username *
Password *
Remember Me

m gio netto

cura poveri new

ccs banner

b onlus

progetto mir orange

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.
Privacy e Termini di Utilizzo

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database